Le radici pedagogiche della guerra. Intervista su Vladimir Putin

Anche per questa settimana rimaniamo sulla stretta attualità, non potrebbe essere diversamente, considerata la drammaticità degli eventi.

Vi propongo una lunga intervista appena uscita sul sito di Skytg24 nella quale, senza cadere nella facile tentazione di dare del pazzo al presidente russo, cerco di raccontarne i risvolti meno visibili della personalità, particolari che ne spiegano meglio gli atteggiamenti esibiti in questi giorni. 

Ognuno di noi potrà riflettere sulle strette connessioni esistenti tra eventi biografici personali, dunque anche educativi, e risvolti pubblici, talvolta capaci di distruggere vite su larga scala.

https://tg24.sky.it/mondo/2022/03/07/putin-profilo-psicologico

6 pensieri riguardo “Le radici pedagogiche della guerra. Intervista su Vladimir Putin

  1. Molto prezioso e utile é l’andare oltre… Non fermarsi alle impressioni, cercare di comprendere l’origine di tali comportamenti per riflettere quanto sia importante cogliere il vissuto infantile per educare nuove generazioni, per rispondere ai bisogni dei bambini dando loro la cassetta degli attrezzi in modo che possano costruire il loro futuro. Quel futuro dove solo attraverso la cooperazione si potrà vivere bene. Dico questo perché alla società italiana dei bambini e dei ragazzi ha poca cura e rispetto. Il prendersi cura di loro può segnare dei destini. A livello personale vedo tanti bambini viziati, che esercitano il loro potere su adulti fragilissimi. Certo non diverranno futuri Putin… Ma i genitori gettano semi pericolosi e poi cosa succederà? Credo ci sia spazio anche per la speranza, molto sta cambiando. Vedo giovani genitori impegnati ad educare i loro figli con semplicità a valori importanti, ma soprattutto con l’esempio, l’impegno e la fatica. Si, la fatica… Perché ‘educare spesso é fatica. Penso a quanta responsabilità abbiamo noi adulti. Quello che vediamo in questi giorni è terribile, tocca i cuori di tutti… Si parla tanto in queste giornate orribili di pace, di rifiuto alla guerra e questo va bene. Ma poi quando entro in classe penso che ai bambini non serva tutto questo, o perlomeno serva a una piccola parte. Quello che conta è la nostra testimonianza. Se non sappiamo vivere in pace, se viviamo di conflitti inutili, non potremo mai educare ad essa.

    "Mi piace"

    1. Purtroppo o per fortuna, cara Antonella, la guerra e la pace si fabbricano anche nelle nostre case e nelle nostre classi, ricordarlo ci aiuta tenere
      vivo l’impegno di non sentirci solo vittime delle cose che accadono nel mondo. La ringrazio per le sue parole, che chiamano in causa la pedagogia attribuendole il valore che spesso le neghiamo.

      "Mi piace"

  2. caro Domenico, ho letto con attenzione [spero] e con interesse la tua ricostruzione personologica su Putin.
    Come ho appena scritto per la parte di rubrica Associazione Italiana Psicogeriatria che curo [AIP Facebook], compio uno sforzo eccezionale per cercare di rimanere normale, facendo il verso a Lucio Dalla (1977), nella introduzione, prima di parlare di argomenti gerontologici .
    Perciò per alcuni giorni mi sono auto-censurato, stante la stima lungodatante nei tuoi confronti, ed il profondo rispetto per il tuo impegno professionale: sarebbe poco decoroso ed inappropriato per lo stile del blog manifestare apertamente i miei sentimenti verso il soggetto della biografia.
    Perciò mi limito a chiedere se – sulla base della ricostruzione di cui sopra – ritieni che esista in Putin uno spazio mentale per una reale trattativa.
    Grazie per la comprensione, Mauro

    "Mi piace"

    1. Caro Mauro, ti ringrazio molto per la considerazione e per i toni. Sollevi questioni che meritano enorme rispetto. Per questo motivo, e anche per un altro, che ti racconterò, ho deciso di dedicare, stasera stesso, un post al nostro scambio. Grazie

      "Mi piace"

Rispondi a Domenico Barrilà Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: