Il digitale a scuola e l’arte di tirare a indovinare

Con una riflessione ispirata dalla circolare ministeriale che vieta l’uso degli oggetti digitali in classe, auguro a tutti voi un Natale Sereno e un 2023 ricco di ciò che ognuno desidera. Domenico

https://tg24.sky.it/cronaca/2022/12/21/divieto-cellulari-scuola-digitale

8 pensieri riguardo “Il digitale a scuola e l’arte di tirare a indovinare

  1. Non saprei se la decisione del Ministro Valditara, che ci ha già abbastanza abituati alle sue intemperanze, sia una risposta emotiva, muscolare, poliziesca o di tutto un pò.
    So che la sua è una riflessione adulta, circostanziata e su basi scientifiche e per questo rappresenta uno strumento e un aiuto molto più serio per un genitore o un educatore.

    "Mi piace"

    1. Grazie Gianni, sono certo che il tema sia epocale, ma da chi si occupa di scuola dobbiamo pretendere razionalità e proposte che appoggino su ragionamenti fondati. Buon Natale

      "Mi piace"

    1. A beneficio dei lettori, Andrea Iovino è un amico fraterno, e quando dice “grande” si riferisce al fatto che sono
      qualche centimetro più alto di lui, in realtà è Andrea tenere in piedi qualcosa di grande, che si chiama BIMED e che vi esorterei a cercare su internet. Resterete sorpresi. Ad Andrea un abbraccio e un sentito grazie per la tua opera, che esercita insieme a collaboratori di grande qualità.

      "Mi piace"

    1. Grazie Carmen, in realtà su questa pagina non accade quasu nulla se non quello cui si riferisce, quando parla di anno “trascorso insieme”.
      Quasi nulla, appunto, frammento che si sta allontanando da noi, specie cooperativa senza cooperazione e, per tantissimi, senza compassione.
      Da mesi lavoro a un volume sull’individualismo che spero di finire entro la primavera, servirà soprattutto a me, per restare saldo nella certezza che neppure l’invecchiamento può infrangere il patto di solidarietà col nostro prossimo. Sereno Natale anche a lei e grazie ancora per la sua costanza

      "Mi piace"

  2. Caro Domenico, non pensavo di commentare: avete già detto ottimamente tutti quel che c’era da dire.
    Poi oggi ho letto la sua ultima risposta, “Specie cooperativa senza cooperazione e, per tantissimi, senza compassione”, parole che chiamano questo racconto.
    Due giorni fa hanno rubato a Marika, dal pianerottolo di casa, la carrozzina elettrica. Marika è un’adolescente affetta da LND, una malattia genetica metabolica rara e terribile per effetti ed esito (https://it.m.wikipedia.org/wiki/Sindrome_di_Lesch-Nyhan).
    Evidentemente l’hanno “curata” (a volte le parole sono perfide), l’hanno tenuta d’occhio, per arrivare impuniti fino alla porta di casa. Hanno visto la costosa carrozzina e non la ragazzina che senza è tagliata fuori da un mondo già impervio di suo.
    Gli amici attorno all’Associazione Famiglie LND si sono già presi carico dalla cosa (e questa è l’unica parte bella di questa storia) ma questo tempo rubato a chi ne ha così poco genera rabbia, sconforto e gravi interrogativi sulla nostra specie.

    "Mi piace"

    1. Se non fossimo una specie cooperativa, cara Giulia, non ci indigneremmo di queste piccole mostruosità, e gli amici della LND non starebbero comprando una carrozzina nuova a Marika. Teniamo duro Giulia, siamo in equilibrio, come la materia e l’antimateria, ma se riusciamo a tenere quell’infinitesimo vantaggio per la parte “buona”, come capitò nel Cosmo, ci sarà ancora moltissimo da dire. Un caro saluto

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: